Teatri di Vetro 14: Il festival delle Arti Sceniche Contemporanee. Online dal 15 al 21 dicembre

Una nuova edizione di Teatri di Vetro (TDV14) che, dal 15 al 21 dicembre, si trasferisce online: 7 giorni di oggetti artistici gratuiti fruibili sulle piattaforme di Teatri di Vetro.

Si apre così una nuova fase di sperimentazione per tenere vive le relazioni tra curatela, artisti e spettatori attraverso l’unico mezzo ad oggi praticabile, quello digitale.

Alessandra Cristiani, Dehors/Audela, Chiara Frigo, Andrea Cosentino, Piccola Compagnia Dammacco, Opera Bianco, Fabritia D’Intino, Giuseppe Vincent Giampino e Riccardo Guratti, Paola Bianchi, Gruppo nanou, Greta Francolini sono i protagonisti di questa quattordicesima edizione.

Teatri di Vetro è un sistema complesso. Trasmissioni, Composizioni, Oscillazioni, Elettrosuoni sono sezioni, ambienti, parti. Ognuna di queste parti assolve ad una funzione specifica implicando aspetti metodologici, artistici, tematici, relazionali e interconnettendoli tra di loro. Tra queste parti convive un policentrismo – ognuna è calata dentro un determinato fare, contesto, tempo e vi agisce secondo logiche proprie – e al tempo stesso ce n’è una, Oscillazioni, che si configura come la meta.

Oscillazioni è un progetto curatoriale in cui la collaborazione tra direzione artistica e artisti costruisce nell’arco del tempo la possibilità di far deragliare la creazione restituendola non più soltanto come opera ma anche in una costellazione di eventi minuti, gesti artistici, dispositivi scenici paralleli e difformi che evidenziano e fanno emergere i molteplici livelli della creazione. In modo semplicistico si potrebbe dire che il dialogo tra curatela e artisti crea le condizioni per esporre il processo. Ma l’obiettivo non è mostrare qualcosa di incompleto o aprire il back stage, piuttosto creare le condizioni per agire con gli artisti e condividere con loro la sfida della ricerca e al tempo stesso mettere gli spettatori a contatto con il centro, con quella zona instabile che “muove” la scena.

“Oscillazioni per sua natura non può prescindere dalla compresenza fisica di attori e spettatori, afferma la direttrice artistica Roberta Nicolai, “ma abbiamo voluto accogliere l’azzardo di dialogare con l’eccezionalità del contesto. E non solo per fare in modo che il lavoro di tutti noi fosse salvaguardato, soprattutto per sperimentare un ulteriore spostamento, questa volta non interno alla creazione ma dato dal dialogo tra la creazione e la realtà. Così ogni singolo oggetto artistico è stato oggetto di analisi e dialogo. Alcuni di questi oggetti si sono prestati a divenire elaborati digitali – sono work in progress, diari di lavoro, appunti scenici; altri hanno assunto la forma più consueta di spettacolo in video.”

“Così la 14^ edizione di TDV vede la luce. Ma è quella dello schermo, degli schermi, speriamo davanti ad occhi ugualmente desideranti dei nostri”.

TEATRI DI VETRO 14^ edizione
festival delle arti sceniche contemporanee

DIREZIONE ARTISTICA ROBERTA NICOLAI
15 – 21 dicembre 2020
Evento Online su YouTube, Facebook

INFORMAZIONI:

A causa dell’emergenza sanitaria e per rispettare le normative vigenti, Teatri di Vetro si traduce in un festival interamente digitale. Gli spettatori potranno seguire l’intera programmazione – spettacoli, performance, processi di lavoro e incontri – attraverso il web in modalità streaming. La visione è gratuita.

YouTube #teatridivetro
Facebook @teatridivetro
Instagram @teatridivetro

Sito web: www.teatridivetro.it

 

Commenti Facebook

commenti

(Visited 44 times, 1 visits today)

Filled Under: Colpi di scena Posted on: 15 December 2020

Cos’è TeatroDigitale?

Con questo blog vogliamo provare a sondare e raccontare le esigenze del teatro di oggi, ascoltare e condividere bisogni, soluzioni (e anche i piccoli traguardi) delle persone che vivono il teatro, che lo fanno quotidianamente, lo amano e lo fruiscono.

La nostra mission è raccontare il lato digitale del teatro, accompagnare la rivoluzione digitale, che è già in atto in ogni sfera del nostro vivere quotidiano, anche nella dimensione della fruizione teatrale, mostrando le sue influenze concrete sul mondo delle arti performative, ma anche le opportunità di amplificazione della visibilità offerte alla produzione teatrale stessa.